La grafologia, un’avventura emozionante! – di Franca Moretti

Quante volte vi sarà capitato di imbattervi in una scrittura e rimanere colpiti per l’ordine, la fluidità, la confusione, l’eleganza o il ritmo e chissà se vi ha incuriositi al punto tale da immaginare quella persona… esile, grossolana, trasandata, maldestra, sensibile. Ognuno di noi, scrivendo, parla di sé, della sua personalità ed anche se la nostra scrittura cambia continuamente, quelli che sono i segni basilari restano e possono darci informazioni importantissime.

In Italia il fondatore della grafologia è stato Padre Girolamo Moretti (1879-1963), uomo particolarmente intuitivo e dotato di un eccezionale talento psicologico, che si è dedicato all’attività grafologica per oltre cinquant’anni raccogliendo migliaia di scritture. Con l’applicazione rigorosa del suo metodo, la grafologia può aiutarci a conoscerci meglio ed a conoscere meglio gli altri, in termini di potenzialità ma anche di difetti, ecco quindi che diventa uno strumento utile per cogliere quello che la persona ha dentro, le sue preoccupazioni, le sue insicurezze, le sue ambizioni, la sua forza di volontà. Quotidianamente possiamo mettere in pratica questa scienza, con il nostro amico, il nostro collega, nostro figlio o la nostra metà .… per conoscerci meglio, per essere d’aiuto, per stimolare, valorizzare o incoraggiare l’altro ed aiutarlo nel suo processo di crescita o, molto più semplicemente, per capire come mai con quella persona andiamo più d’accordo che con l’altra!

Ma la grafologia è una cosa seria.  La grafologia non è sinonimo di astrologia o chiromanzia ed in questi ultimi decenni è riuscita, seppur a fatica, a reclamare la sua scientificità per trovare un posto ben preciso all’interno delle scienze umane diventando particolarmente utile in ambito familiare o matrimoniale, nell’età evolutiva, nell’ orientamento scolastico, in ambito professionale e peritale. La definizione classica che è stata data dal suo fondatore è: “la grafologia è la scienza sperimentale che dal solo gesto grafico di uno scritto rivela le tendenze sortite da natura o innate”. Ma potremmo tranquillamente dire che si occupa anche dell’aspetto non verbale della scrittura, perché la grafologia non esamina i contenuti dello scritto ma i segni grafologici, la forma, l’occupazione dello spazio, il movimento della mano sulla carta. La scrittura è movimento ed il grafologo deve saper ripercorrere con lo sguardo il tracciato che ha lasciato sul foglio lo scrivente, per risalire dalla periferia al centro, dalla mano al cervello per giungere ad un contenuto più profondo, personale, univoco! Si parte quindi dal movimento sul foglio bianco, dall’occupazione dello spazio (la sinistra, la destra, l’alto e il basso rappresentano simbolicamente le quattro forze attrattive e repulsive di Max Pulver), i margini, lo spazio tra righe, tra parole, la pressione, l’andamento del rigo, la personalizzazione grafica, il ritmo, il pieno e il vuoto, la direzione assiale, il calibro, l’inclinazione …

Alcune scritture, specialmente negli adolescenti, ci raccontano la fatica ad andare avanti, lo sforzo per dimostrare di essere all’altezza delle aspettative di genitori e/o insegnanti, la difficoltà ad instaurare rapporti con gli altri, la diffidenza, le preoccupazioni e la paura di non farcela… riuscire a cogliere questi segnali d’allarme può aiutare insegnanti, educatori e genitori ad incoraggiare, a dare fiducia, a tranquillizzare, ad alleggerire dalle preoccupazioni. Spesso dietro una scrittura floscia, disordinata e trasandata si nasconde lo stato d’animo di una persona delusa, stanca, svogliata. Se parliamo di un adolescente, è importantissimo evitare la strada del disimpegno, ed intervenire al più presto per aiutarlo a ritrovare la fiducia nelle proprie risorse, imparando a gestire le proprie energie, a mettere in conto insuccessi e sconfitte senza perdersi d’animo. Anche una scrittura troppo accurata, troppo precisa, ha il rovescio della medaglia perché comporta un impegno eccessivo che può provocare stanchezza, tensione e stress; può essere sinonimo di dipendenza dagli altri ed incapacità di attivarsi per diventare più autonomi ma, soprattutto, può nascondere la preoccupazione esagerata di offrire un’immagine di sé diversa, per paura di presentarsi così come si è, quindi mancanza di spontaneità e sincerità.

Fenomeno assai diffuso tra i giovani (e non solo) è la scrittura in stampatello, anche qui si cerca di nascondere quello che si è veramente, è una sorta di maschera per sembrare diversi, perché si ha paura di mostrarsi per cui si adotta questa precauzione che ci rende più sicuri e più belli agli occhi degli altri. Anche il calibro ci da indicazioni sulla persona, chi ha un calibro grande ha una idea di se grandiosa, non vuole passare inosservato, solitamente è una persona estroversa e sicura di se a differenza di chi scrive piccolo che tende più all’introversione ma la grafologia è assai più complessa e non è giusto minimizzare, bisogna tener conto di tutto il contesto, di tante combinazioni e di tanti aspetti. Infatti quando ci si avvicina per la prima volta ad una scrittura è molto importante non farsi condizionare dalla prima impressione perché può trarci in inganno così come non bisogna mai emettere giudizi, non ci sono belle o brutte scritture così come non ci sono segni buoni o cattivi.

Oltre a parlare di grafologia, non posso non parlare di educazione del gesto grafico. L’ingresso nella scuola è uno dei momenti più delicati per un bambino perché deve imparare a tenere la penna in un certo modo, deve rispettare determinati spazi, deve rimanere seduto composto per ore, imparare l’alfabeto con i suoi simboli, rispettare un certo ordine… tutto ciò per molti bambini non è affatto semplice e l’effetto più immediato è la “brutta scrittura” che viene spesso scambiata per disgrafia, disturbo che non ha nulla a che vedere con le qualità intellettive del bambino. Genitori e insegnanti spesso sottovalutano l’importanza di un pronto intervento, ma intervenire tempestivamente significa evitare conseguenze come rimproveri, crescente senso di inadeguatezza, ansia, affaticamento generale, errori ortografici, difficoltà a seguire le lezioni, compromissione del rendimento scolastico, autostima minata. L’obiettivo primario è quello di far riscoprire al bambino il gusto di scrivere, il piacere di disegnare, di lasciare traccia di se stessi.

Per concludere, attraverso la scrittura noi comunichiamo, e anche se pensiamo di essere concentrati per mandare dei messaggi, non ci rendiamo conto che, inconsciamente, la scrittura sta parlando di noi, della nostra individualità, sta raccontando chi siamo … dunque scriviamo una cosa ma in realtà raccontiamo dell’altro, senza rendercene conto tiriamo fuori anche cose che non vorremmo dire perché, appunto, la scrittura è un gesto spontaneo esattamente come altri comportamenti naturali, non verbali, ed ogni singola lettera è una sorta di autoritratto!

Annunci

Un pensiero riguardo “La grafologia, un’avventura emozionante! – di Franca Moretti

  1. Bellissimo articolo che mi ha fatto comprendere quanto importante sia l’interpretazione della scrittura partendo dalle basi, complimenti Dott.ssa Moretti d’altronde il fondatore della Grafologia si chiamava come Lei …. sarà un caso ?
    Il suo articolo e la Grafologia nel dettaglio dovrebbero essere materia di studio fin dalle elementari……. ( utopia)
    Cordialmente
    Dott. Stefano Oriente

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...